BLANC DE CHINE

con Nessun commento

BLANC DE CHINE

Visioni Contemporanee

15/05/2019 - 28/06/2019
ARTWORKS
Su Xianzhong Landscape 2 Porcellana Blanc De Chine 2017 53 x 32 x 19 cm
Peter Ting Buddha Hands Three Rows Porcellana Blanc De Chine 2019 18 x 6.8 x 18 cm
Lan Quansheng Seated Shakyamuni Porcellana Blanc De Chine 2017 18 x 38 x 15 cm
Chen Desheng Medium.1 Porcellana Blanc de Chine 2018 21 x 20 x 14 cm
Manuel Bonfanti Airspace tecnica mista su tela 2019 200 x 120 cm
EXHIBITION VIEWS

PRESS RELEASE

ESH Gallery – BlancdeChine_CS

15 maggio – 28 giugno 2019
Opening: 15 maggio h. 18.30 – 21.00
Dal 16 al 24 maggio: 11.00 – 19.00

Chiuso domenica

Dal 27 maggio al 28 giugno: su appuntamento

ESH Gallery, in collaborazione con lo studio Ting&Ying di Londra, è lieta di presentare BLANC DE CHINE: Visioni Contemporanee. Una esplorazione attraverso i lavori di diversi artisti cinesi, che hanno fatto dell’utilizzo della porcellana bianca di Dehua, nota come Blanc de Chine, la cifra stilistica della loro opera.

Da sempre ESH Gallery si concentra sul lavoro di artisti che trovano nell’estetica orientale un elemento caratterizzante della loro ricerca, soprattutto per i riferimenti alla natura – sempre presente in senso figurativo o puramente concettuale – e che tutti i lavori proposti vanno ad affrontare. Questa mostra, pensata specificatamente per il debutto di ESH Gallery alla Milano Asian Art 2019, sarà un banco di prova per presentare una visione diversa ma sempre attraente, di un materiale che ha fatto la storia del collezionismo.

Saranno presentati i lavori di diversi artisti di Dehua tra cui Su Xianzhong. Nato nel 1968, rappresenta la quarta generazione di artisti del famoso e internazionalmente riconosciuto ‘Yun Yu Porcelain Studio’.
Artista pluripremiato, i cui lavori si ispirano alle antiche statue religiose si trovano in diversi musei d’Asia e Europa.

Lo stile di Su, riconoscibile per la libertà formale e la morbidezza non convenzionale che caratterizzano i suoi splendidi Buddha, sarà messo a confronto con le sculture molto più vicine alla tradizione di Lan Quansheng.

I drappeggi e i bellissimi tratti del viso delle sue opere che ritraggono icone religiose sono infatti tra gli elementi più apprezzati dal collezionismo, che spesso preferisce non allontanarsi dallo stile tradizionale.

Allievo del maestro Xianzhong è Chen Desheng, giovane sperimentatore della porcellana di Dehua che, con la serie dedicata ai tradizionalissimi bonsai, rappresenta un omaggio alla cultura e alla natura del proprio paese e contemporaneamente un rinnovamento dello stile appreso durante gli studi.

Il Designer cinese Peter Ting, uno dei fondatori dello studio londinese Ting-Ying, infine presenterà uno dei suoi lavori più celebri appartenente alla serie Buddha Hands, già parte della collezione permanente del V&A di Londra.

La sua piccola tazza con piattino in Blanc de Chine, realizzata con la collaborazione dell’artigiano Chen Wei, si caratterizza per la presenza di minuscole mani del Buddha, una novità per la tradizione di questo antico materiale.

A far da cornice al candore e alla purezza delle forme delle sculture in porcellana saranno le opere su tela di Manuel Bonfanti, artista bergamasco con la passione per il colore, presentato per la prima volta negli spazi di ESH Gallery.

Le sue composizioni astratte, dal sapore espressionista, sono caratterizzate da esplosioni simboliche di luce e colore.
Quadri apparentemente informali – Air Spaces – che rappresentano luoghi impossibili e invisibili; atmosfere eteree dominate da sfumature intense che esprimono la volontà da parte dell’artista di raggiungere il sublime.

La ricerca bidimensionale di Bonfanti, incentrata sull’uso di tecniche che uniscono la pittura ad acrilico con altri materiali, si pone così in perfetta armonia con la tridimensionalità spirituale delle opere cinesi.

Ricerche stilistiche molto lontane che, attraverso il contrasto, tra cromatismi accesi e bianco assoluto, figurazione ed astrazione, tradizione e contemporaneità, pongono ancora una volta l’accento sul confronto sempre attuale tra oriente ed occidente.